Tutti i nostri prodotti
cerca prodotti
categoria
  • tutte le categorie
  • Cavi approvati IMQ-HAR in PVC
  • Cavi approvati UL e CSA
  • Cavi Audio e Video
  • Cavi Automotive
  • Cavi con Spina: Mercato Europeo
  • Cavi con Spina: Resto del Mondo
  • Cavi CPR
  • Cavi di Controllo
  • Cavi di Potenza
  • Cavi estensibili
  • Cavi IMQ-HAR halogen-free
  • Cavi IMQ-HAR in gomma
  • Cavi in PVC per uso generico
  • Cavi lighting
  • Cavi Multinorma IMQ, UL, CSA e VDE
  • Cavi per alte temperature : 105 - 130°C
  • Cavi per alte temperature : 150 - 250°C
  • Cavi per applicazioni speciali
  • Cavi privi di alogeni per usi generici
  • Connettori
  • Passacavi
famiglia
  • tutte le famiglie
  • 318-B cavi LSZH
  • Cavi a norme UL e CSA
  • Cavi approvati IMQ
  • Cavi armonizzati IMQ-HAR
  • Cavi composti
  • cavi CPR classe Dca
  • cavi CPR classe Eca
  • Cavi di alimentazione con spina
  • Cavi in FEP
  • Cavi in gomma reticolata
  • Cavi in poliuretano
  • Cavi multinorma
  • Cavi per alte temperature
  • Cavi per applicazioni marine e nautiche
  • Cavi per illuminazione a LED
  • Cavi per LED e sensori
  • Cavi per pompe sommerse
  • Cavi per robotica e applicazioni in posa mobile
  • Cavi per strumentazione
  • Cavi resistenti al calore
  • Cavi senza alogeni
  • Cavi speciali
  • Cordoni di alimentazione assemblati
settore
  • tutti i settori
  • Applicazioni speciali
  • Illuminotecnica
  • Automotive
  • Immersione in liquidi
  • Elettromedicale
  • Entertainment

Cavi privi di alogeni


Gli alogeni ( cloro, fluoro, bromo, etc. ) sono sostanze comunemente presenti in tutti i cavi in PVC, nei cavi in resine fluorurate (FEP, PFA, MFA, ETFE, etc.), e negli additivi e ritardanti di fiamma bromurati utilizzati in molti cavi. In caso di incendio, tali composti agiscono come centri di raccolta dei radicali, rallentando quindi la propagazione della combustione ; nel fare ciò però catturano idrogeno, producendo così acido alogenidrico. Le principali conseguenze dell’impiego dei composti alogenati sono:

  • la corrosione dei metalli
  • la tossicità dei fumi, che va considerata sia in caso di incendio che per lo smaltimento del prodotto a fine vita, quando esso finisce nell’inceneritore.

Corrosività dei metalli.
La presenza di umidità ed ossigeno, rendono gli additivi alogenati potenzialmente sorgenti di fenomeni altamente corrosivi, in grado quindi i attaccare e danneggiare anche tubature ed oggetti metallici in generale. L’utilizzo di materiali privi di alogeni quindi è da preferirsi in quanto consente la prevenzione dei suddetti rischi di corrosione.

Tossicità dei fumi in caso di incendio.
In caso di incendio uno dei rischi maggiori per le persone, è costituito dalla tossicità dei fumi sprigionati soprattutto in caso di spazi chiusi e con vie di fuga limitate. Questo aspetto diventa quindi di prioritaria importanza, a volta ancor più del grado di resistenza alla fiamma, in gran parte delle costruzioni edili, soprattutto se adibiti ad uso pubblico, e l’uso di cavi non alogenati che non rilasciano, o comunque rilasciano in maniera molto minore, gas corrosivi o tossici, diventa in questi casi obbligatorio.

Tossicità dei fumi a fine vita del prodotto.
A fine vita un qualunque dispositivo elettrico od elettronico, sul quale il cavo è assemblato, va ovviamente smaltito ed il destino comune dei rifiuti non riciclabili o recuperabili è l’inceneritore. L’impatto ambientale degli acidi alogenidrici sviluppati dai materiali alogenati è molto alto: l’alta pericolosità di questi fumi di combustione è comprovata, in quanto essi sono tossici ed irritanti per le vie respiratorie.

La nostra gamma di materiali privi di alogeni
Il nostro gruppo produce cavi realizzati con un ampia gamma di materiali privi di alogeni:

  • materiali termoplastici tipo TI7, TM6, M1, HF 105°C;
  • gomme reticolate tipo EI4, EI5, EI6, EI7, EM3;
  • polietilene (PE), polipropilene (PP), e polietilene reticolato (XLPE);
  • poliuretani (TPU);
  • gomme reticolate speciali per applicazioni ad alte temperature ( ns. TECHPRENE )

Tutti questi materiali ottemperano ai requisiti di sicurezza previsti dalle relative normative internazionali al fine di garantire l’atossicità dei fumi in caso di incendio e consentire quindi una veloce evacuazione dai locali facilitando inoltre le operazioni delle squadre di soccorso; in particolare:

  • il pH : in conformità alla BS EN 50267-2-2;
  • la conduttività : in conformità alla BS EN 50267-2-2;
  • il contenuto massimo di gas acidi alogeni HCl, HBr, HF : in conformità alla EN 50267-2-1 ed EN 60684-2;
  • la densità ottica dei fumi : in conformità alla EN 61034-2:2005
  • l’indice di ossigeno : in conformità alla ISO 4589

Dove usare i cavi LSOH
Non esistono indicazioni normative cogenti in merito all'impiego di cavi LS0H e relativamente alle emissioni di gas tossici e corrosivi in caso di incendio e solitamente viene lasciata un’ampia autonomia di scelta al progettista stesso, ma il loro utilizzo è consigliabile nella maggior parte degli ambienti di installazione:

  • residenziale. I cavi LS0H sono consigliabili quando occorre proteggere beni di particolare interesse artistico o storico o, quando si prevedono problemi per l'evacuazione in caso di incendio, nelle vie d'uscita comuni soprattutto quando lo scorrimento delle persone risulta poco agevole.
  • terziario. In tutti i luoghi con presenza di pubblico come alberghi, ospedali, scuole, sale cinematografiche, discoteche, banche e centri commerciali.
  • infrastrutture. Nei luoghi molto affollati come ad esempio nelle metropolitane, negli aeroporti, nelle stazioni, nelle gallerie stradali, nei palazzetti dello sport, ecc
  • industria. Quando si devono preservare apparecchiature sensibili e costose o si gestiscono particolari processi produttivi.